Il Jazz è made in Italy

Protagonisti dell’edizione 2017 del Due Laghi Jazz Festival di Avigliana sono stati i grandi compositori e musicisti italiani, da Bixio a Gianni Basso a Dino Piana. Sul palco anche la Torino Jazz Orchestra per un tributo al talento di Ella Fitzgerald. Ne abbiamo parlato con Fulvio Albano, direttore della Torino Jazz Orchestra e vicepresidente del Consorzio PiemonteJazz.

Fulvio Albano, anche quest’anno il clou della settimana del Due Laghi Jazz Festival di Avigliana sono state le tre serate in piazza Conte Rosso, aperte dall’omaggio alla tradizione jazz italiana

«La musica italiana del Novecento fa parte della grande epoca della musica jazz, fin dagli inizi. Forse non tutti sanno che alcuni tra i primi compositori negli Stati Uniti erano immigrati italiani, e anche in Italia abbiamo avuto grandi musicisti che hanno saputo scrivere con le tecniche della musica d’Oltreoceano. Mi vengono in mente nomi come Bixio e Martino, autori di grandi standard diventati di uso comune, un vero patrimonio musicale che vale la pena rivisitare e reinterpretare anche oggi. E non dimentichiamo le composizioni dei musicisti jazz veri e propri come Gianni Basso, Oscar Valdambrini, Dino Piana. Abbiamo portato sul palco di Avigliana un insieme di grandissime composizioni, tutte made in Italy».

Una conferma, nel caso fosse necessaria, dell’intenzionalità del jazz, un genere che sa coniugarne molti altri

«Vero. Ed è anche una testimonianza che l’Italia ha fatto una grande parte nella creazione e nella diffusione della musica jazz. Lo ha fatto negli Stati uniti e poi anche qui da noi. Il concerto è stato un modo per dire grazie ai grandi maestri e ai grandi compositori: non c’è modo migliore di farlo se non continuando a suonare e a promuovere il jazz, anche italiano».

Quest’anno, nel centenario della nascita, non è mancato il tributo a una grande interprete come Ella Fitzgerald. Sul palco è salita la Torino Jazz Orchestra per accompagnare Denise King

«L’Orchestra è una pietra miliare del jazz piemontese e italiano. Abbiamo avuto l’occasione di suonare insieme a una grandissima cantante come Denise King, un tassello di un progetto artistico che portiamo avanti da tempo. Ci siamo ispirati alle collaborazioni che la Fitzgerlad ha avuto con Duke Ellington, Count Basie e Chick Webb per offrire il nostro personale omaggio alla storia del jazz internazionale. I festeggiamenti per i cento anni dalla nascita di Ella Fitzgerald andranno avanti ancora fino alla prossima primavera e noi abbiamo voluto partecipare dedicando un’intera serata del nostro festival».

Festival, quello di Avigliana, che ha tagliato il traguardo delle 24 edizioni ed è già proiettato sulla 25sima. Un anniversario, quello del quarto di secolo, che vi fa onore ed è motivo di orgoglio

«L’edizione di quest’anno è stata difficile, a causa del maltempo che ha funestato lo scorcio di fine estate. Tutti gli spettacoli, però, si sono regolarmente tenuti e non hanno tradito le attese. Deborah Carter ha cantato sotto i portici della piazza mentre cadeva la pioggia ed è stato un concerto davvero emozionante».

Venticinque anni che confermano il legame con la città di Avigliana e il pubblico

«Un anniversario che segna anche il successo di una strategia che mira a promuovere e valorizzare il patrimonio architettonico e culturale italiano grazie alla musica. Piazza Conte Rosso ad Avigliana è un esempio: la musica jazz è la più idonea a essere suonata in spazi aperti, in mezzo alla gente, magari nelle piazze e nei centri storici delle città».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...