Acqua sporca

In Europa il 72% dell’acqua corrente sarebbe contaminato. L’allarme arriva da GreenPeace, che cita i risultati di un recente studio americano sull’acqua potabile di tutto il mondo. L’indagine è stata condotta dai ricercatori di una ong di Washington, in collaborazione con le università di New York e del Minnesota. Sui 159 campioni di acqua analizzati, ben l’89% risulta inquinato da fibre di microplastica, potenzialmente pericolose per la salute umana perché inglobano al loro interno sostanze tossiche. Se ingerite, possono finire nell’organismo e creare danni anche irreparabili.

Il record di campioni inquinati spetta proprio agli Stati Uniti, con un poco invidiabile 94%, lo stesso risultato delle acque analizzate in Libano. In India la percentuale è dell’82%. In Gran Bretagna, Germania e Francia si arriva al 72%. In Italia, spiegano dal CNR, nell’acqua è stata riscontrata la presenza di microparticelle ma non di microplastiche.

Le fibre di microplastica arrivano nelle acque direttamente dai rifiuti che inquinano i mari del pianeta: in media ogni anno finiscono in mare 8 milioni di tonnellate di plastica, l’80% del totale. Nel Mar Mediterraneo residui di plastica sono stati trovati nello stomaco di pesci, uccelli, tartarughe e cetacei. Nemmeno gli apparentemente incontaminati mari del Polo Nord sono immuni dai residui di plastica. E la colpa, dicono da GreenPeace, è di uno stile di vita ormai abituato al concetto di usa-e-getta, che non sa più cosa sia il riutilizzo e il riciclo, perché preferiamo disfarci di ciò che più non è utile, soprattutto imballaggi e abbigliamenti sintetici.

Una inversione di tendenza potrebbe arrivare dall’Unione Europea, che sta lavorando a una revisione delle Direttive su rifiuti. Per questo GreenPeace ha lanciato una petizione, per chiedere al Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti «di schierarsi contro l’invasione della plastica, eliminando gli imballaggi usa-e-getta e adottando misure che risolvano il problema della plastica alla fonte». (Leggi qui per saperne di più). Tre le parole d’ordine della petizione: riduci, riusa, ricicla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...